Archive for aprile 2013

Outfit Lifestyle


My personal outfit created with polyvore.com.
Ho creato uno stile primaverile, giovanile e fresco.
In aggiunta due mie personali creazioni: nails & hair.
Le unghie sono state realizzate da Svetlana di I Love Nails mentre il taglio dal mio parrucchiere Roberto di Ryf.

Per chi volesse acquistare, l'outfit é basato sulla nota marca MANGO, ho inserito nel dettaglio i prezzi.

Fashion for the young & urban woman!









Qual è, tra questi, il capo d'abbigliamento che preferite? In quale occasione lo indossereste?


A presto.
Effe.

Forchetta away

La rubrica settimanale dedicata a ricette facili, veloci, comode da trasportare e soprattutto buone.
Per quelli che..pranzano sempre fuori casa e hanno poca voglia di cucinare la sera.
Grazie ad Elisa per il suggerimento!

Con la prova costume alle porte in queste settimane vi consiglierò pranzi freschi e leggeri.


Google images
 
 

1. Frutta e verdura

 
 
Iniziamo dalla frutta e dalla verdura che possono sempre accompagnare un buon pasto.
Vi mostro qui di seguito le tabelle delle stagioni ricavate da www.bio-benessere.it cosi' potete controllare quale frutta e verdura potete preparare per il vostro pranzo fuori casa.

Personalmente adoro il melone e tra un paio di mesi portero' la mia vaschetta con il melone tagliato a cubetti e me lo gustero' in pausa pranzo: fresco, dissetante e leggero.


 
 

2. Il trasporto

 

Per portare il pranzo da casa ci vuole una certa organizzazione.
Avete il microonde in ufficio? Avete il frigorifero in ufficio? Quanto dura il vostra tragitto?
 
Se avete tutto in ufficio e il vostro tragitto é breve non dovete preoccuparvi di nulla, ma solo di un buon contenitore per il vostro pranzo. La nota marca Tupperware ne propone un'infinità.
Un esempio di contenitore per frigorifero:
 
 
 


Se invece il vostro ufficio non é dotato di frigorifero e microonde, a parte convincere il vostro capo a comprarlo, potete organizzarvi con una borsa-frigo. Non andate a immaginare un immenso box frigo da pic-nic. Esistono molte aziende che producono oggetti di design anche per il take-away.
Nella rete ho trovato Valira con la linea Nomad, dove potete inserire comodamente il vostro contenitore e la vostra bibita.




 

3. Il pranzo

 
 
Per questa settimana, fino al prossimo giovedi', vi consiglio i seguenti menu.
P.S. non sono una cuoca esperta, quindi se riesco a prepararli io, riescono a prepararli tutti.
 
  • Insalata verde con gamberetti in salsa rosa.


  • Carpaccio di salmone al limone, con toast e burro (e se volete anche patate, cipolle).
     
 
 
  • Carpaccio di bresaola con rucola e grana.
 
 
 
  • Carpaccio di carne con rucola e grana.

 
 
  • Carpaccio di polipo o insalata di frutti di mare.

 



Il vostro parere, come sempre, é importante per me.

Alla prossima settimana con altre ricette, se avete suggerimenti, scrivetemi e sarete pubblicati.

A presto
Effe.
 

Design: giardini verticali

Torno con la rubrica del mercoledì dedicata al design.
Oggi voglio parlarvi di giardini verticali.
Perché andare sempre in orizzontale? Cambiamo il nostro punto di vista e andiamo in verticale.

Questa fantastica idea arriva dal suo inventore Patrick Blanc, biologo francese, che studiando la crescita delle piante tropicali ha scoperto che ogni luogo andava bene (rocce, scogli, senza sole, ...).


Google images
I suoi giardini verticali possono ricoprire le pareti interne delle abitazioni o le facciate degli edifici.
Studiando le caratteristiche delle piante, Patrick sceglie quelle che vanno bene per ogni facciata da realizzare.

L'architettura moderna si é poi interessata a questa tecnica e Patrick Blanc ha iniziato importanti collaborazioni in ogni angolo del mondo. Un aspetto importante che lega la natura all'architettura.

E di certo nella sua casa non potevano mancare dei giardini verticali....




la1.rsi.ch



Secondo me sono un'ottima idea per mantenere la natura anche nelle grandi città ricoperte ormai di cemento e circondate da palazzi o grattacieli. Portano ossigeno e rinaturalizzano il nostro ambiente.

Inoltre se vogliamo entrare nei dettagli più tecnici, sono un ottimo isolante e catturano le polveri sottili. Nell'ambito del design invece posso dire che migliorano l'impatto estetico dell'edificio e attirano l'attenzione dei passanti/turisti.


Caixaforum Madrid


Personalmente sono favorevole alla creazione di giardini verticali esterni, mentre per i giardini verticali interni avrei qualche dubbio, non lo metterei dentro casa ma su una delle facciate esterne più che volentieri.


Ora la mia domanda é: ma voi avete mai visto un giardino verticale dalle nostre parti?
Mi piacerebbe proprio andare a caccia di questi giardini. Chi viene con me?
p.s. a Ginevra, Milano e Genova sono presenti alcune sue creazioni.


Visitate il sito web ufficiale di Patrick Blanc www.verticalgardenpatrickblanc.com con le ultime e future creazioni a Singapore, San Francisco, Hong Kong, Tokyo, Beirut, Berlino, Miami, ...


100esimo & giveaway - Chiuso


Oggi é un giorno speciale, un primo traguardo per il mio blog: in questo preciso momento mi trovo a scrivere il 100esimo post.

swisstilife.blogspot.ch é nato circa 5 mesi fa con una forte motivazione per portare avanti questo progetto. Ora posso dire che la motivazione c'è ancora ed é diventata ancora più forte.
Ogni giorno penso, creo, invento e sono felice di vedere un miglioramento costante ed i complimenti dei miei lettori. Grazie a voi che mi seguite!

Per questo 'evento' ho voluto regalare al mio blog una nuova grafica: semplice, fresca e colorata.
Le principali novità sono:
  • il nuovo menu in alto a sinistra;
  • il banner con un nuovo slogan 'Il blog dedicato al Lifestyle che ci circonda';
  • più articoli/post in evidenza;
  • la classifica dei 'Popular posts';

E per i lettori? Siete voi le persone più importanti per il mio blog che leggete, commentate, osservate. Ho pensato a qualcosa per voi per festeggiare questo momento:

Giveaway del 100esimo post!!

 
Google images
 
 
Come posso partecipare al giveaway?

Dovete semplicemente lasciare un commento a questo post e sarete automaticamente ammessi alla partecipazione del giveaway. Allo scadere del tempo, verrà estratto un vincitore tra tutti coloro che avranno partecipato. Lo strumento per stabilire casualmente il vincitore sarà random.org.

I commenti devono essere preferibilmente firmati e dotati di un indirizzo e-mail valido per essere contattati in caso di vittoria. Vi consiglio di commentare con un account completo di tutte le vostre informazioni. Gli 'anonimi' non saranno presi in considerazione.
 
Cosa vinco al giveaway?
 
Un prodotto Lush del valore di 10 chf.
 
Quando scade il giveaway?
 
Il giveaway scadrà mercoledì 1 maggio a mezzogiorno. Avete una decina di giorni di tempo per iscrivervi. Le iscrizioni successive a quella data e ora non verranno prese in considerazione.
 
Quando si saprà chi è il vincitore del giveaway?
 
Il fortunato vincitore verrà annunciato venerdì 3 maggio. Buona fortuna a tutti!



Google images


Nell'attesa di scoprire il vincitore, vi svelo alcuni 'coming soon' dei prossimi giorni.
Quando ho chiesto di partecipare a 'Cosa scrivo nel mio blog' ho ricevuto le seguenti proposte:

  • su consiglio della mia amica E. aprirò una rubrica dedicata alle ricette facili, veloci, comode da "tupperwerare", buone e leggere per la prova costume;
  • su consiglio di Laura tratterò il tema dei ricordi dell'infanzia legati ai cartoni animati.

Siete ovviamente tutti invitati a partecipare!


Vi ricordo inoltre che potete seguire la mia pagina FB e il mio account twitter!
A presto.

Effe.

Marigold Hotel

The Best Exotic Marigold Hotel


Il lungometraggio The Best Exotic Marigold Hotel é tornato alla mia mente giovedì sera dopo la lezione di Yoga, forse perché ambientato in India.
Ho visto il film lo scorso anno al cinema e vorrei consigliarvi la sua visione.


Google images
 

Un cast di attori famosi tra cui Judi Dench, Penelope Wilton, Bill Nighy e Maggie Smith ha permesso la realizzazione di questo bellissimo film, a mio parere.
Brevemente, 7 sconosciuti pensionati decidono di partire per un viaggio in India soggiornando nell'attrattivo Marigold Hotel, un albergo da poco ristrutturato per persone della terza età.
Un'avventura comica ma allo stesso tempo emozionante, che riesce a coinvolgere lo spettatore e a far riflettere su alcuni aspetti della vita.


Non vi racconto tutta la trama ma condivido il trailer per stuzzicare la vostra curiosità.




Youtube
 
 
Cosa ne pensate? Andrete alla ricerca del film per guardarlo?
 
Ricordate che i film vanno acquistati oppure noleggiati negli appositi centri.
 
A presto!


One lovely USB stick


One lovely USB stick
...da tenere con noi, da portare in giro, lei che contiene i nostri dati più o meno importanti, fotografie delle vacanze, la presentazione per la laurea.
Tutti hanno una pennetta USB con all'interno qualche dato e tutti o quasi l'avete rinominata con un nome personalizzato: leggo 'USBFede' guardando una delle mie tante pennette.

Questo fantastico strumento ha anche una dimensione, ricordo agli inizi che potevo salvarci un paio di files e 5 canzoni. E ora mi ritrovo con una da 32GB per salvarci il mondo intero.

E attenzione a non perderla!
Secondo me é impossibile dimenticare o non ritrovare una USB stick così lovely come queste, magari é più facile che te la rubino.


Quale fa al caso vostro?

Per i nostalgici...del rullino.
 
 
Per gli amanti...del LEGO.
 
 
Per i romantici...inguaribili.
 
 
Per la massima sicurezza...sempre.
 
 
Per i lavoratori...stacanovisti.
 
 
Per i fans...di STAR WARS.

 
Per chi...giocava e gioca a Mario Bros.

 


 Per i golos...oni.

 
Per gli angry...che siano birds o altro.


Per gli amanti...della famiglia.


Per non dimenticare...la molletta.
 
 
Per non farsela...rubare.



Lovely images: google search

 

Terza serata GGDTicino

In questo articolo: evento serata GGDTicino con video intervista a Rosa Giuffrè. Buona lettura.
 
ticino.girlgeekdinners.com
 

Giovedì 11 aprile 2013, si é tenuta la terza serata GGDTicino dal titolo “Serata tra le nuvole – Clouding in Ticino”, ospitata nel Datacenter Moresi a Melano (Ticino - CH).
 
 

 

Non potevo di certo mancare e quindi mi sono segnata in agenda l'evento e appena é uscita l'iscrizione mi sono annunciata.

Partenza ore 17.30 dal mio ufficio a Lugano per andare a prendere la mia amica Barbara, anche lei, incuriosita dal mio invito non é voluta mancare.
L'inizio dell'evento GGDTicino era previsto per le 18.30, noi siamo arrivate con quache minuto di ritardo perché il traffico in autostrada nell'ora di punta é sempre congestionato.
Al nostro arrivo abbiamo incontrato subito Gabriella, organizzatrice del gruppo, con l'automobile, una FIAT 500L fornita dal Garage Ciccone di Davesco, per trasportare in occasione dell'evento le Geek Girl.




La serata é poi iniziata con il check-in delle partecipanti all'entrata del Datacenter, dove abbiamo ricevuto un Guest pass per muoverci all'interno del centro e visitare le sale server.




Il signor Nicola Moresi, responsabile del Datacenter, ha introdotto la sua attività con una breve presentazione, descrivendo il funzionamento del lavoro da remoto, macchine virtuali ospitate nei loro server, la semplicità del cliente nel gestire le proprie risorse, la sicurezza e i dati.
 

 


La chiave di tutto questo: non avere fisicamente i dati con se, ma salvarli in server dislocati altrove (pensiamo ai nostri dati di Facebook, Hotmail, Gmail, ...).


Alla presentazione é seguito un tour tra i server presenti in una sala al livello -1 dello stabile: questa posizione aiuta a mantenere una temperatura fresca per le apparecchiature (molto importante!!) utilizzando sempre meno i condizionatori e risparmiando energia.
All'entrata della sala siamo rimasti tutti affascinati dalla procedura di identificazione del responsabile: impronta digitale e riconoscimento facciale!


 

 
Al termine dell'emozionante tour guidato nella sala server del Datacenter, siamo ritornate nella sala principale per seguire la presentazione dal titolo “Utilizzo dei colori nella comunicazione. Dal significato nascosto alla pratica.” di Rosa Giuffrè Communication Manager e blogger.





Rosa ha inizialmente parlato dell'origine dei colori e una volta apprese le basi ha descritto come vengono utilizzati nella comunicazione, analizzando alcuni colori principali.


 
 
Vediamo qui di seguito i loghi di alcune banche, dove prevale l'azzurro, colore della comunicazione.
 
 
 
 
La presentazione di Rosa é stata molto interessante: non ci rendiamo conto di quanto lavoro può esserci dietro lo studio di un logo per un'azienda. Inoltre lei é stata capace di coinvolgere il pubblico anche con piccoli giochi sui colori.
 
 

 @rosagiuffre
 
 
La serata si é conclusa con un aperitivo, sempre nella sala di Moresi, con quattro chiacchere tra le/i partecipanti e le organizzatrici GGDTicino.
 
 
Come blogger, non potevo però tornare a casa a mani vuote da questa bellissima e arricchente esperienza. Vi propongo, quindi, la mia video-intervista a Rosa Giuffrè, Communication Manager e blogger. Potete trovare maggiori informazioni e la biografia di Rosa su www.futurosemplice.net.
Ascoltate cosa ha da dirci...
 
 
Rosa Giuffrè e Barbara Peretti - Analisi biglietto da visita
 
 
Prossimamente, arriverà anche l'intervista alle organizzatrici GGDTicino (Laura, Sara, Gabriella, Cristina), per conoscere meglio loro, il gruppo e la loro attività. Stay tuned...
 
 
In conclusione posso dirvi che adoro questo gruppo di GGDTicino e le loro serate sono sempre più interessanti. Sono contenta di aver scoperto, per caso, la possibilità di partecipare a questi eventi.
Quando torno a casa sono felice di aver aumentato le mie conoscenze in ambito tecnico, culturale e sociale. Consiglio a tutti voi di visitare il loro sito web ticino.girlgeekdinners.com, attendere il prossimo evento e partecipare.
 
 
Grazie..e alla prossima!


Prendi nota!


La Focaccia: a parere mio anche meglio della pizza, con la sua morbidezza, il suo profumo, la possibilità di condirla con diversi ingredienti (pomodorini, cipolle, sale, olio d'oliva, rosmarino, ...).
In Ticino non ho ancora individuato un luogo dove propongono la focaccia come in Italia, dove si riconosce lontano un miglio il profumo e non vedi l'ora di arrivarci per mangiarla.

Se avete consigli su dove andare..fatemi sapere. Focaccia CERCASI disperatamente!

Per il momento possiamo provare a farla in casa con la ricetta presa da “Made in Italy: Food & Stories” il libro di Giorgio Locatelli e consigliata su piciecastagne, blog di cucina.
 
Ingredienti:
  • farina forte 500 gr
  • lievito di birra 15 gr
  • acqua a 20° 225 gr
  • olio EVO 2 cucchiai
  • sale 10 gr
 
Per la salamoia:
  • acqua a 20° 65 gr
  • sale 25 gr
  • olio EVO 65 gr
 
Istruzioni:
  1. Riscaldare il forno a 220°.
  2. Preparare la salamoia mescolando tutti gli ingredienti insieme fino ad ottenere un'emulsione dal colore verdino.
  3. Amalgamare la farina con il lievito, l’acqua, l’olio ed il sale.
  4. Impastare bene gli ingredienti e coprire il recipiente con un foglio di pellicola.
  5. Far riposare 10 minuti.
  6. Ungere con poco olio una teglia, adagiare la pasta su di essa e spennellarla con poco olio.
  7. Lasciar riposare la pasta per altri 10 minuti.
  8. Con un mattarello partire dal centro della pasta e stenderla passando 1 sola volta verso l’ alto con tocco leggero, poi sempre partendo dal centro, stendere la pasta verso il basso 1 sola volta.
  9. Far lievitare per circa 20 minuti, fino al raddoppiamento del volume della pasta.
  10. Con la punta delle dita pressare la superficie della pasta per formare dei piccoli avvallamenti.
  11. Spennellare la superficie della pasta con la salamoia che andrà ad inserirsi all’interno delle impronte lasciate dalla pressione dei polpastrelli e far lievitare ancora 20 minuti.
  12. Infornare la focaccia per 25-30 minuti finchè sarà ben dorata in superficie.
 
 
 
Google images



Per prendere nota di questa ricetta e anche di altre ricette che vorreste sempre avere con voi vi consiglio il taccuino Moleskine. In particolare la collezione Taccuini Passions.
Le pagine di Recipe Journal sono impostate per accogliere le ricette e tutte le vostre annotazioni personali.


bouillie.us


 
E visto che siamo in argomento cucina, si potrebbe abbinare un buon bicchiere di vino alla nostra focaccia. Vorrei consigliarvi Nero d'Avola, un vino rosso, a mio parere dall'ottimo sapore.
Anche questo dettaglio potrebbe essere annotato nel Wine Journal.



mocoloco.com



Da qualche giorno ho iniziato ad usare Moleskine, ed i suoi prodotti sono semplicemente geniali.
Più guardo le loro creazioni e più vorrei acquistare.

La scrittura con carta e penna su taccuino secondo me ha un certo fascino e a volte vince contro lo smartphone e i calendari digitali.
Voi come la pensate?


Grazie della lettura e di partecipare ai commenti, a presto!

L'intervistato del mese


Oggi vi propongo l'intervista a Laura Braga, la mia seconda intervistata, che si aggiudica il titolo di 'Intervistata del mese' di aprile.
Lei é una giovane ragazza che abita a Claro e svolge la professione di maestra.
Leggete l'intervista per iniziare a conoscerla.



1. Presentati...
 
Il 4 luglio di quasi 29 anni fa ho fatto incursione nella famiglia Braga che ha deciso di chiamarmi Laura. Nata sotto il segno del cancro posso confermare quanto dicono gli oroscopi: un giorno mi si ama e il giorno seguente il sentimento potrebbe essere l’opposto.
Ho vissuto fino alla maggiore età in Leventina, tra Nivo e Faido, poi la voglia di aria nuova mi ha portata oltre Gottardo, a Zurigo, dove ho vissuto e lavorato per quattro anni.
Faccio un salto nel presente e vi anticipo che vivo nel comune dove insegno: Claro.
Gli anni trascorsi dal rientro da Zurigo a oggi ve li racconto tra poco.

 
2. Cosa fai nella vita?
 
La mia vita è il mio lavoro, nel senso che ancora non riesco a essere maestra durante l’orario scolastico e Laura per il resto del tempo. Le due cose per ora non sono scindibili. Per fortuna o purtroppo.
Eh sì, dicono che… chi non sa fare insegni. Non so se sono d’accordo, ma sta di fatto che questo è il lavoro che svolgo ora, anche se non è ciò che ho sempre fatto. E qui vi svelo gli anni che ho saltato nella presentazione.
Tornata da Zurigo, dove ho frequentato la maturità professionale nel mio ramo (commercio e amministrazione) dopo l’apprendistato svolto in Ticino quale impiegata, mi sono iscritta agli esami di maturità liceale con un obiettivo che credevo ben saldo nella mia mente: studiare italianistica e germanistica all’università.
Dopo i primi due esami ho dovuto supplire una maestra di sci impossibilitata allo sport per una settimana di scuola sulla neve con una classe elementare.
Lì c’è stato il colpo di fulmine. In quel momento, circa, i miei obiettivi sono cambiati. Improvvisamente volevo fare la maestra.

 
3. Formazione scolastica per la tua professione?
 
Gli esami che stavo sostenendo mi servivano comunque, così li ho conclusi (con discreto successo) e mi sono iscritta all’ex Alta Scuola Pedagogica, ora SUPSI, di Locarno. Lì ho trascorso i tre anni di formazione che mi hanno sempre più appassionata e legata a questo splendido lavoro. Ed eccomi qui.

 
4. Le tue principali passioni quali sono? Ti piace viaggiare? L'ultimo luogo che hai visitato e il prossimo che vorresti visitare? 
 
Il lavoro che svolgo è una delle mie principali passioni, ma non è l’unica.
Amo la fotografia, la natura e la lettura. Anche se negli ultimi anni ho viaggiato meno, la scoperta del mondo mi appassiona molto.
Sono stata in Australia, in alcune città italiane, francesi, tedesche, inglesi e, naturalmente, svizzere. Fra tutti i luoghi che ho visitato, la regione che più mi è rimasta nel cuore è la Toscana.
Ho un sogno nel cassetto: l’Alaska.

 
5. Cosa fai nel tempo libero?
 
Il mio tempo libero lo dedico alle mie passioni e agli amici, anche se sono una persona abbastanza solitaria che trascorre tanti attimi da sola, per scelta e per bisogno.
 
 
6. Cosa ti piace del tuo lavoro? 

Del mio mestiere amo la diversità delle giornate, la continua crescita attraverso gli occhi e le esperienze che vivo con i miei allievi, poter donare il mio vissuto e le mie esperienze ai bambini e giocare con loro.

 
7. Quali consigli daresti ad un giovane che vuole diventare insegnante?

Quando si inizia questa avventura si hanno tanti ideali e tante idee che si vogliono mettere in pratica. L’unico consiglio che mi sento di dare è quello di seguire il proprio cuore nel rispetto dei bambini e dell’insegnamento che possiamo trasmettere.
 
Google images

 
8. Che rapporto hai con la tecnologia? Pensi che sia indispensabile al giorno d'oggi?

La tecnologia mi piace. Trovo che sia un mezzo efficiente per comunicare e lavorare.
Sono a contatto con computer, tablet e altri mezzi giornalmente e penso che sia importante al giorno d’oggi sapere che esistono e conoscerne pregi e difetti.
Sicuramente la tecnologia ha un grosso potenziale, ma non è tutto.

 
9. Hai un blog, maelaura.blogspot.ch, come é nato? E cosa rappresenta per te?

Era da un po’ che mi ronzava nella testa l’idea di un luogo in cui poter esprimere le mie idee, così tanto per. Ho sempre avuto paura che ciò che scrivevo o pensavo non interessasse e quindi ho rimandato fino a che non ho cambiato idea e mi sono buttata.
Scrivere mi piace molto, ma ancora non so bene che scopo dare a questo progetto.
Per ora rappresenta un’occasione per farmi conoscere e per scrivere. In futuro? Si vedrà…

 

maelaura.blogspot.ch

 
10. Sei un'amante della lettura? Avresti dei titoli, un libro da consigliare ai lettori? 

Amo molto leggere. Ci sono periodi in cui passo dai due libri alla settimana a periodi in cui non riesco a leggerne nemmeno uno in due mesi. Oltre ai dieci libri che consiglio sul mio blog posso indicarvi due romanzi di Marc Levy, molto conosciuto in Francia, ma tradotto in diverse lingue.
Ho letto “Il primo giorno” e “La prima stella della notte” e mi hanno catturata entrambi.
Ottima lettura da spiaggia!

 
11. E del cinema/film cosa mi dici? Preferisci andare al cinema o vedere un film a casa in tutta tranquillità? 

Non vado spesso al cinema, ma mi piace. I film che preferisco sono le commedie e quelli dedicati alle catastrofi naturali (non so se sia un genere però).
Tra i telefilm il mio preferito è Castle. Lo adoro!
Guardo volentieri anche Revenge e Rizzoli&Isles.
Non sono un’amante delle serie TV ambientate negli ospedali: l’unica che guardo abbastanza volentieri è Private Practice.

 
12. Programmi per questa primavera/estate? Quando finalmente il sole sarà stabile..

Avere due mesi di vacanza è fantastico, ma sapendo di avere tanto tempo tendo a rimandare qualsiasi decisione e poi capita, come l’anno scorso, di andare al mare 4 giorni e basta. Che furba!
Quest’anno vedrò di recuperare. Nei progetti c’è la Scozia e un po’ di mare ligure.

 
Google images
 
 
I suoi contatti 'tecnologici':


GRAZIE Laura per avermi dedicato parte del tuo tempo e aver partecipato all'intervista.


Cari lettori, vi é piaciuta l'intervista a Laura?


I prossimi potreste essere voi, se siete interessati per un'intervista contattatemi o lasciate un commento.

Follow by Email

Popular Post

Translate

Powered by Blogger.

- Copyright © Swiss Ticino Life -Metrominimalist- Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -